Come gestire la gelosia per l’arrivo di un fratellino.

children-817365_1920.jpg

La nascita di un fratellino o di una sorellina è spesso una ferita notevole. Il bambino è abituato ad avere spazi e giochi solo suoi, a vedere la routine familiare scandita dai suoi bisogni e l’impatto con l’arrivo di un altro bimbo che nei primi mesi attrarrà l’attenzione ed il tempo di tutti senza peraltro “restituire” niente in termini di gioco insieme e di divertimento può essere duro.

Veder ripetere verso qualcun altro quelle carezze, quelle coccole e quegli sguardi che finora erano rivolti solo a lui può essere difficile. La paura di perdere l’amore dei genitori è infatti il vero fulcro della gelosia.

Questo non ci deve scoraggiare, ma stimolare ad aiutarlo ad attraversare questa esperienza, imparando a condividere e a non sentire l’altro come una minaccia, rassicurandolo sul nostro amore per lui.

1Per i fratelli maggiori è sempre difficile accettare l’arrivo di un altro membro della famiglia. Quando arriva un altro bambino i genitori riversano su di lui parte delle attenzioni e il fratello maggiore pensa che per questo ne riserveranno meno a lui, ma non è cosi. Dividere con un altro i genitori è difficile, ma tra fratelli è naturale, anche se un po’ complicato.

Quando il fratellino sarà abbastanza grande per giocare con lui, lo sarà anche per rubare i suoi giochi, per cambiare canale durante il suo programma preferito e per imporre le sue scelte e i suoi gusti. Condividere le proprie cose non sarà semplice e ancor meno lo sarà accettare le abitudini e i gusti dell’altro. La gelosia a quel punto sarà reciproca e questo potrà far si che i fratelli si vedano come rivali, anziché complici.

Spiegare ai bambini l’importanza di coltivare il legame fraterno fino a farlo crescere rigoglioso e invidiabile, non è e non sarà mai semplice.

I genitori possono aiutarli coinvolgendo entrambi nelle varie attività familiari e nei diversi contesti del proprio quotidiano.

Non bisogna fare l’errore di paragonarli o si rischia di farli entrare in competizione, la scelta migliore è sempre quella di metterli a confronto evitando i paragoni.

Può essere utile parlare della loro nascita e della loro crescita, sfogliando un album di famiglia, mettendo alla luce le differenze che rendono speciali entrambi, gli atteggiamenti buffi che avevano da piccini, i modi di dire e di fare, così da far loro comprendere che entrambi sono parte della famiglia.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...